Panorama italiano al seconda del TC Pavia: vince la savonese Ester Ivaldo

Questo articolo è presentato da

Renzi Ceramiche: piastrelle, pavimenti e rivestimenti a Piacenza Renzi Ceramiche opera anche a Pavia e provincia per la fornitura di piastelle e pavimenti

Un torneo rodeo limitato alla classifica 2.4 quello svolto nello scorso weekend presso il Tennis Club Pavia che ha visto 56 atlete di altissima classifica e provenienti da molte località italiane sfilare sui campi in terra rossa pavesi.

Essendo così numeroso il numero delle partecipanti, l’organizzazione ha dovuto tagliare l’ingresso alle 3.1 che in un tabellone di qualificazione ha visto promosse Lucrezia Piana, Valeria Pezzoli, Sabina Hasancic e Marta Boselli.

Tra queste le giovani Sabina Hasancic (under 14, Nino Bixio) e Lucrezia Piana (under 16, Sporting Milano 3) hanno ben figurato anche nel tabellone finale dove hanno battuto due seconda.

Tra le favorite del seeding la savonese 2.4 Ester Ivaldo, accreditata della testa di serie numero 1 e la pari classificata veronese Martina Muzzolon, testa di serie numero 2. Come da copione le favorite sono arrivate in finale ma il loro percorso non è stato privo di ostacoli. Così i turni vinti dalla Ivaldo: 4/0 4/ su Lucrezia Piana, 4/0 4/1 su Sveva Bernardi, 2/4 4/0 4/0 su Aurora Urso, 4/2 4/1 su Maria Scotti in semi. E così i turni vinti dalla Muzzolon: 1/4 4/2 4/2 su Sofia Maffeis, 4/2 4/1 su Elena Bocchi, 4/2 3/5 5/4(1) su Rebecca Bonello in semi.

Come si evince dai nomi poco conosciuti da noi pavesi il parterre di giocatrici è stato molto vario e la maggior parte delle partecipanti proveniva da provincie e anche regioni distanti.

Nella finalissima sono così giunte le prime due teste di serie e anche qui i pronostici sono stati rispettati. La qualità del gioco delle giocatrici ha comunque dato la possibilità di avere una bellissima finale che si è aggiudicata Ester Ivaldo per 5/3 4/2 su Martina Muzzolon.

Unico neo, ma dovuto alle precauzioni sanitarie, è che il pubblico non ha potuto assistere alla manifestazione. Infatti essendo un pallone pressostatico, non provvisto chiaramente di nessun sbocco verso l’esterno, solo i giudici e il direttore di gara hanno potuto godere dell’altissimo livello di gioco.

COMMENTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.