Finalmente possiamo incordare le racchette. E non solo.

Questo articolo è presentato da

Renzi Ceramiche: piastrelle, pavimenti e rivestimenti a Piacenza Renzi Ceramiche opera anche a Pavia e provincia per la fornitura di piastelle e pavimenti

Da lunedì riparte l’attività di molti negozi su tutto il territorio italiano. Tra questi i negozi di articoli sportivi che, aprendo solo ora, hanno vissuto la beffa di non aver potuto offrire i servizi necessari per lo sport quando già era permesso praticarlo. Ad esempio in Lombardia, e quindi nella nostra provincia di Pavia, i circoli di tennis hanno potuto riaprire i loro campi all’aperto per i seconda categoria già il 4 maggio e subito dopo l’8 maggio per tutti. Praticamente ognuno di noi ha “corde datate” di almeno due mesi e alcuni “super agonisti” sono sicuramente riusciti a romperle in quarantena, nelle sessioni di allenamento contro il muro di casa. Ora, a 9 giorni dalla riapertura di molti campi da tennis e visto il boom di prenotazioni (unico neo per la pratica il meteo), le racchette con le corde rotte si sono moltiplicate.

Così la situazione dei negozi che offrono servizi di incordatura, partners del tennispavese.

Nel pavese sono ufficialmente due: Crevani Sport di Voghera e Franco Sport di Pavia.

Riccardo Crevani ci fa sapere che il negozio è già tutto sistemato – “Da lunedì pomeriggio riapriremo le porte ufficialmente. Siamo forniti di tutto il necessario per incordare e la maggior parte delle ditte ci aveva già portato le nuove racchette. Siamo in attesa ancora di alcune Yonex, e ad esempio di alcuni completini della Lotto, ma confidiamo a brevissimo di avere proprio tutto. Siamo pronti naturalmente anche per far accedere i clienti ai locali in maniera sicura e stiamo iniziando a parlare con i club che collaborano con noi, per recuperare le racchette da incordare direttamente al circolo”.

Gianluca Sala di Franco Sport – “Tenendo presente che la racchetta è, quando si gioca, un prolungamento del proprio braccio e che quindi non deve dare sensazioni negative, essendo stata ferma da due mesi sarebbe opportuno incordarla a nuovo. Quindi il consiglio è di sostituire l’incordatura prima di cominciare a giocare. Mettersi in condizione di usare un bi-pack di palle (che attualmente è da noi in offerta) e soprattutto dare priorità nel cambio dell’overgrip ogni qualvolta si giochi oppure con una frequenza superiore a prima. Queste in breve le linee guida per affrontare la ripresa. Noi da lunedì pomeriggio siamo operativi in questo senso e con una nuova macchina professionale della Head e tutto il panorama di corde, dal monofilamento al budello. Incordatura in giornata, quindi tempi di attesa molto brevi. E naturalmente la maggior sicurezza possibile nell’accogliere i nostri clienti con tutto il necessario a disposizione.”

Naturalmente anche diversi circoli offrono servizi di incordatura per i propri soci che “beati loro” hanno probabilmente già potuto usufruire di qualche servizio personalizzato. O di alcuni maestri che incordano, ma questa è un altra storia.

Fuori regione, e quindi non direttamente raggiungibili da noi pavesi, Angelo Sport a Piacenza e Eiffel59 a Casale Monferrato, due grandi negozi specializzati nel tennis che, come sappiamo, sono spesso meta di numerosissimi tennisti pavesi. Per noi lombardi, si parla da voci di corridoio di 4 giugno come possibile raggiungimento con “viaggi interregionali”. Discorso delicatissimo e tasto dolente poi per quanto riguarda il Piemonte in cui la riapertura dei campi da tennis non è ancora attualmente possibile.

Si aggiungono all’elenco di attività connesse al tennis, amiche del tennispavese, la ditta produttrice di racchette Prokennex con sede a Brescia, il negozio specializzato in tennis Voodoo Tennis di San Giuliano Milanese, lo studio di fisioterapia Fisiosport di Pavia, per non parlare della ditta Tennis Partner Team, specializzata nel rifacimento di campi da tennis che, super impegnata nel avviare i campi di moltissimi circoli, cerca di recuperare il gap creatosi per il cambio stagionale.

Abbiamo fatto due chiacchiere con Roberto Vottero titolare di Tennis Partner Team – “Abbiamo riaperto dal 3 maggio, “un gran caos”, perchè devi cercare di fare in un mese il lavoro di tre mesi. Tirare giù palloni, rifare i campi, ecc…e di solito è una stagione che tu distribuisci in tre mesi e adesso cerchiamo addirittura di farla in tre settimane. Tanti circoli si sono “arrangiati”, direi un 50%. Quei circoli virtuosi, che hanno disponibilità economica, hanno però chiesto l’urgenza. Insomma una situazione obiettivamente complicata che però cerchiamo di gestire con il nostro quotidiano impegno.”

Per quanto riguarda Fisiosport e l’annessa Top Training ci arriva un messaggio bellissimo di solidarietà. Ne abbiamo parlato direttamente con Angela Scariato titolare di Fisiosport e che opera su appuntamento anche presso lo studio all’Oltrepo Tennis Academy“A Pavia noi non abbiamo mai smesso di lavorare, durante il lock-down abbiamo fatto solo le urgenze (protesi, fratture, gente che era stata operata a gennaio/febbraio), abbiamo “lasciato a casa” il cronico però l’acuto lo abbiamo sempre trattato. Da lunedì scorso poi abbiamo a disposizione anche lo spazio a Codevilla sempre su appuntamento. Top center lavora outdoor all’aperto, sempre su appuntamento ma lo faceva anche prima. Invece la cosa bella è che abbiamo deciso per ringraziare il personale sanitario dell’Ospedale di Voghera e del San Matteo di Pavia di dare diritto a una visita e seduta gratuita di fisioterapia. Una iniziativa di solidarietà per chi ha messo faccia e corpo in mesi stressanti sia dal punto di vista fisico che naturalmente emotivo. Mi è venuta l’idea quando ho visto l’applauso dai balconi. Molto bello ed emozionante. E quindi mi sono detta: io voglio fare qualcosa di concreto. Abbiamo inoltre destinato delle donazioni al San Matteo come Panathlon, di cui sono consigliera, e a Emergency, però l’idea era comunque di fare qualcosa per le persone qui vicine a noi. Quindi sia nelle sedi di Pavia e Codevilla i suddetti potranno usufruire dello speciale trattamento. Per ultima l’idea di fare una seduta gratuita a domicilio per gli ex-covid guariti. Perchè oltre ai problemi respiratori non dobbiamo trascurare i problemi collaterali come spossatezza e debolezza lasciati dalla malattia.”

Quindi TUTTI APERTI!!! Chi prima e chi dal 18 maggio.

COMMENTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.