A Vigevano è andato in scena il 1° Torneo Nazionale di Tennis in Carrozzina

La Ssd Volare No Profit in collaborazione con lo Junior Tennis presso il Centro Santa Maria di Vigevano hanno ospitato per la prima voltala il Torneo Nazionale Città di Vigevano 2019, 5 giorni di sport, divertimento e alto agonismo in campo da parte di 20 atleti di tennis in carrozzina provenienti da tutto il nord Italia.

La finale di singolo open ha visto la vittoria di Edgar Scalvini, mentre vincitori del doppio open “Wheelchair Tennis” è stata la coppia Andrea Rinaldini e Carlucci Bruno. Nella categoria “Quad” il primo posto è andato ad Alberto Alby.

«Siamo una società sportiva dilettantistica no profit che si occupa in particolare del tennis in carrozzina e dal 2011, da quando cioè ci siamo costituiti, abbiamo organizzato un centinaio di eventi di livello nazionale, tra tornei e raduni – spiega Gianluca Cosentino, che con Beppe Bianchi, entrambi collaboratori dell’ssd Volare di Alessandria, ha organizzato il torneo vigevanese – al Tennis club Vigevano nel 2016 abbiamo ospitato il primo appuntamento, una dimostrazione con una decina di tennisti in carrozzina, come molti ne abbiamo fatti nel Nord Italia per avvicinare tanti disabili a questo sport e farlo conoscere al pubblico. Dopo una giornata a Vigevano ogni anno, in cui abbiamo per esempio proposto doppi tra atleti con disabilità e istruttori dei circoli coinvolti, in una vera e propria dimostrazione del nostro sport, ci è stato chiesto di organizzare in questa città qualcosa di importante. Abbiamo, quindi, allestito questa manifestazione che si è articolata in cinque giorni di incontri, dando la possibilità di venire a vedere il tennis in carrozzina a ottimi livelli. Gli atleti dimostrano dal vivo come sia possibile superare tutte le barriere che possono limitare una pratica sportiva».

La mission dell’dsd Volare è stata dal primo giorno quella di organizzare raduni dimostrativi, ma in quest’occasione a Vigevano c’è stata la possibilità anche di vedere un appuntamento agonistico. «Complessivamente la manifestazione ha visto al via 16 tennisti della categoria Open e 5 di quella Quad (indicano la diversa disabilità, ndr) – spiega Gianluca Cosentino – c’è stato quindi un tabellone di singolare per Open e uno per i Quad, sempre agli ordini del giudice arbitro Antonio Gianfreda, più un tabellone per il doppio».

«I ringraziamenti della Volare vanno assolutamente a Iolanda Alfonsi e alla sua Ortopedia Alfonsi, per come in questi 3 anni ha sempre stra creduto in noi e per l’aiuto nel mettere in piedi questo grande evento.
Grande e fondamentale è stato l’impegno e il supporto attivo di tanti, a partire dal centro Santa Maria con Giovanni D’Adamo e Gabriele Peruzzotti, direttore del torneo, il Coach Pietro Mazzei, del giudice Arbitro Antonio Gianfreda, del tutto fare e mitico Roberto Balestrero e del aiuto degli Alpini Sez. Vigevano.

Tutto questo non sarebbe stato possibile senza il sostegno dei tanti sponsor, a partire dalla ditta Italia Converter S.r.l, del Gruppo Donne Impresa Lory Coccino di Confartigianato Lomellina, dal Comune di Vigevano, dalla splendido buffet offerto dalla Pasticceria Dante in occasione del riuscitissimo Apericena di gala di venerdi 20 settembre, dai Lions Club Colonne di Vigevano, Autorino S.pa, Mega Stampi snc, Sogesi S.r.l, Hollister S.p.a, Stilla Industrie, Credit Agricole, trattoria Podazzera e Mecal S.r.l.

Un ringraziamento particolare va anche al Tennis Club Vigevano, nostro sostenitore anche a questo evento, che ha gentilmente fatto realizzare il video che vi proponiamo di seguito:

Ringraziamo inoltre le realtà che con il loro prezioso materiale ci hanno sostenuto, dalle palline concesse da Marco Gazziero di Eiffel 59 Tennis Shop, l’acqua da Vigevano bevande s.r.l, il pulmino dalla ditta Handytech Renzo Nosenzo e tanti altri prodotti per le nostre welcome bag.

Grazie di tutto e Arrivederci al prossimo anno con la seconda edizione!!!!!!!!!!!!!!!»

COMMENTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.